domenica 11 novembre 2018

ESSERE O NON ESSERE


8 mag 2017


 
 
In effetti, il concetto stesso di Infinito collide con l'idea di una realtà superiore all'Universo tangibile, intesa come "ordinata a priori", ma è perfettamente coerente con l'idea di un'entità spirituale INTRINSECA alla manifestazione materiale di un Universo infinito. Una realtà a priori eterna ed immobile, intesa come il raggiungimento di una verità ultima, sarebbe paragonabile alla morte termica dell'Universo (all'equilibrio termodinamico dovuto alla rarefazione degli elementi universali, per cui non ci sarebbero più scambi di energia) e costituisce un'idea fondamentalmente paradossale, proprio perchè tutto ciò che vive è in movimento, e nulla di ciò che esiste può essere immobile. ESSERE è essere in movimento, nel flusso del "divenire"; NON ESSERE significa non divenire più, essere immobile e questo non è possibile. IL NON ESSERE NON E' POSSIBILE. Le trame su cui si espandono le infinite possibilità della manifestazione e la complessità essenziale degli eventi sono la matematica e la geometria frattale applicata alla stessa struttura dell'Universo. Se esistesse un disegno intelligente a priori, inteso come atto volontario e non necessario, ne conseguirebbe una regressione infinita di cause: ogni divinità dovrebbe essere a sua volta preceduta da un'altra e così via all'infinito. Se, invece, si considera lo spirito universale come intrinseco alla manifestazione materiale, ecco che ogni paradosso viene risolto e l'ASSOLUTO si concilia con il RELATIVO in perfetta armonia. Infatti ogni volta che l'Essere raggiunge un livello superiore di coscienza si verifica la conciliazione degli opposti, ma non si può mai verificare la conciliazione di ciò che persegue il NON ESSERE con ciò che determina l'ESSERE, e questa è l'unica e fondamentale separazione fra il bene (ESSERE, IL CAMBIAMENTO) e il male (IL NON ESSERE, l'IMMOBILITA'). (Alessia Birri)

A questo proposito possiamo leggere un brano di GIACOMO LEOPARDI, tratto dallo ZIBALDONE (uno dei libri che hanno segnato il mio percorso, anche se con alcune riserve):


"Ella è cosa certa e incontrastabile. La verità, che una cosa sia buona, che un’altra sia cattiva, vale a dire il bene e il male, si credono naturalmente assoluti, e non sono altro che relativi. Quella è una fonte immensa di errori e volgari e filosofici. Quest’è un’osservazione vastissima che distrugge infiniti sistemi filosofici ecc.; e appiana e toglie infinite contraddizioni e difficoltà nella gran considerazione delle cose, massimamente generale, e appartenente ai loro rapporti. Non v’è quasi altra verità assoluta se non che Tutto è relativo. Questa dev’esser la base di tutta la metafisica".
 

Condiviso pubblicamenteVedi attività
10 mag 2017
Foto del profilo di Alessia Birri
Esatto: ciao Luca :-)
10 mag 2017
Foto del profilo di Luca Realini
La gente e merda...tutti che criticano...dove lavoro..mi rompono le balle par i capelli linghi...vivi e lascia ivere...io sono cosi...bah...
10 mag 2017
Foto del profilo di Alessia Birri
Scusa, ma capisco poco, dove la vai a trovare questa gente?
10 mag 2017
Foto del profilo di Luca Realini
Ha.ha...pieno cara...a pacchi....
10 mag 2017
Foto del profilo di Alessia Birri
Mi sembra strano...Ciao :-)
10 mag 2017
Foto del profilo di Luca Realini
Ciao a presto alessia...buona serata...
10 mag 2017
Foto del profilo di Alessia Birri
Ciao, io passerò la notte a ripassare l'articolo nuovo :-P
 
 
 
 
 

Nessun commento:

Posta un commento